Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘direttiva rimpatri’

La cosiddetta “Direttiva Rimpatri” sulle espulsioni dei migranti, approvata dal Parlamento Europeo, è sicuramente pessima: ma lascia intatta la possibilità, per i singoli Stati, di mantenere disposizioni più favorevoli per i cittadini stranieri. E contiene persino cose migliori rispetto alla Bossi-Fini. Nessuno, dunque, deve usarla come pretesto per inasprire le norme sulle espulsioni.

Detenzione fino a un anno e mezzo per i migranti irregolari in attesa di espulsione, trattenimento dei minori stranieri in violazione delle convenzioni internazionali sui diritti umani, divieto di reingresso di cinque anni per gli espulsi, maggiore elasticità nelle tutele legali: la Direttiva Rimpatri, approvata nei giorni scorsi dal Parlamento Europeo, rappresenta sicuramente una delle pagine più buie nella storia dell’Unione Europea, e lancia un segnale – terribile – di criminalizzazione tout court dei fenomeni migratori. Anche per questo, essa è stata duramente criticata da più parti: dalla Chiesa Cattolica, dalle associazioni umanitarie, persino da alcuni governi del Sud del Mondo (America Latina in testa). Ora che la Direttiva è stata approvata, tuttavia, occorre analizzarla con attenzione, ed impedire che essa diventi un pretesto per introdurre, in Italia, norme peggiori rispetto a quelle effettivamente previste in sede europea. Anche perchè, studiando attentamente il testo licenziato dall’Europarlamento, si scopre che alcune norme sono persino migliorative della nostra «Bossi-Fini». Vediamo meglio.

(altro…)

Read Full Post »

La Direttiva Rimpatri, vero e proprio mostro giuridico che cancella importanti garanzie del diritto, è stata approvata ieri dal Parlamento Europeo. Di seguito una breve illustrazione dei principali contenuti della Direttiva, a cura di Fulvio Vassallo Paleologo dell’Università di Palermo, pubblicata oggi sul sito Melting Pot. In fondo all’articolo, una guida ragionata ai link utili per saperne di più.

È stato approvato nella mattinata del 18 giugno il testo della direttiva rimpatri, ribatezzata per la sua efferratezza «direttiva della vergogna». Con 369 voti favorevoli, 197 contrari e 106 astensioni, il Parlamento Europeo ha adottato il testo così come proposto dalla Commissione dopo l’accordo raggiunto dai governi europei lo scorso 4 giugno. (altro…)

Read Full Post »

Domani il Parlamento Europeo sarà chiamato ad esprimersi sulla cosiddetta «Direttiva Rimpatri», che – tra l’altro – estende a 18 mesi il tempo di detenzione nei centri di permanenza temporanea. In questo articolo Giusto Catania, europarlamentare di Rifondazione Comunista, fa il punto sul dibattito europeo in materia.

Questa settimana rischia di essere ricordata come una delle più buie della storia d’Europa, a causa della drammatica torsione autoritaria e delle nuove misure di criminalizzazione dei migranti che potrebbero entrare in vigore. Saranno giorni decisivi per gli otto milioni di migranti irregolari presenti nel territorio dell’Unione Europea e per gli uomini e le donne che, fuggendo dalle guerre e dalla fame, aspirano ancora a giungere in quella che fu la vecchia e accogliente Europa. (altro…)

Read Full Post »