Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘salute’

Tempo fa avevo segnalato a Giuseppe Faso l’incredibile progetto del Comune di Milano – da me già descritto e commentato su questo blog – che vorrebbe insegnare le regole della pulizia e dell’igiene agli immigrati, considerati evidentemente alla stregua di selvaggi. Giuseppe ha raccolto la palla al balzo e ha pubblicato – sul numero in edicola del settimanale Left – un suo commento “al veleno”. Eccolo.

«Una certa “fragilità” intrinseca e una scarsa cultura della salute e della prevenzione di alcune popolazioni straniere hanno portato a una recrudescenza di patologie ormai debellate o del tutto marginali nella popolazione milanese…» (Comune di Milano). “Immigrazione Sana” è il titolo di un “progetto” presentato nel sito dell’Amministrazione Comunale e segnalatomi da Cinzia, del Naga e Sergio, di Africa Insieme. Si tratta di un documento di rara comicità. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

Secondo il Comune di Milano gli immigrati hanno una “scarsa cultura della salute”, e portano le malattie: per questo, un manuale spiega loro come lavarsi e come pulire casa. Roba da non credere.

«Una certa “fragilità” intrinseca e una scarsa cultura della salute e della prevenzione di alcune popolazioni straniere hanno portato ad una recrudescenza di patologie ormai debellate o del tutto marginali nella popolazione milanese (es. tubercolosi), ma anche delle malattie trasmesse nell’ambito di una condotta sessuale non sempre cosciente, matura e responsabile quando non addirittura legata agli ambiti dell’illegalità». Si presenta così il progetto Immigrazione Sana del Comune di Milano, finalizzato – si legge nel sito dell’Amministrazione – a “promuovere una concreta e responsabile integrazione degli immigrati sul versante della salute”. Che cosa sia la “condotta sessuale legata agli ambiti dell’illegalità” non è molto chiaro, ma non importa: il bello deve ancora venire. (altro…)

Read Full Post »

ospemigra.jpg Ricevo e pubblico un articolo di Fulvio Vassallo Paleologo, che descrive in modo dettagliato la situazione attuale del diritto alla salute per i migranti.

Gli allarmismi sulla presenza degli immigrati, e tra questi in particolare degli irregolari, in Italia, il pericolo paventato che – incrementando la spesa pubblica – si pregiudicherebbero le compatibilità economiche imposte dall’Unione al welfare europeo, incidono in modo sempre più pesante sull’accesso alle cure mediche, ancorché continuative, da parte degli immigrati irregolari e si sono ulteriormente estesi dopo l’ingresso dei nuovi paesi dell’Europa orientale nell’Unione Europea. Eppure non si può dire proprio che si sia verificato il temuto “effetto invasione”, dopo l’apertura delle frontiere ad est, con la Slovenia ad esempio, a fronte della emersione dei cittadini romeni e bulgari prima in condizioni di irregolarità, mentre dopo gli accordi firmati dall’Italia a Tripoli con la Libia, lo scorso 29 dicembre, si sta assistendo ad una ulteriore esternalizzazione dei controlli di frontiera e dei dispositivi di arresto, con pattuglie miste, e con la pratica generalizzata della detenzione amministrativa (anche nei paesi di transito). Gli arrivi degli immigrati irregolari da sud sono in calo, malgrado le partenze “mirate” utilizzate periodicamente dalla Libia per tenere alto il suo potere di ricatto sull’Italia. (altro…)

Read Full Post »